Archivio dei tag Smart Work

DiStudio Alpha Omega

Chi ha guidato la digital transformation della tua azienda?

Partiamo da un simpatico post de La startup di M che si chiedeva chi nell’azienda avesse guidato il passaggio al digitale (inteso come smart working) e così ci siamo domandati come le aziende hanno affrontato l’arrivo del covid-19 e come hanno risposto alla necessità di permettere ai propri dipendenti di lavorare da casa.

Alcune realtà si sono trovate davvero in difficoltà, costrette ad affrontare in maniera rapida e in molti casi non organizzata il passaggio allo smart work (cosa ben differente dal telelavoro o lavoro da remoto!!). Questa era l’unica soluzione che si è presentata il 9 marzo a molti imprenditori e professionisti per non fermare la propria attività.

Qui per molti cominciano i guai ma…  ci sono storie di successo.

Vediamo come l’hanno affrontata due realtà differenti: una società di consulenza e certificazione e la Chiesa Cattolica della Diocesi di Rovigo.

Ci racconta la sua esperienza Martina, Strategic Client Manager di un gruppo inglese tra i principali fornitori mondiali di servizi professionali con una propensione alle nuove tecnologie ed al miglioramento delle performance.

Il gruppo è già una realtà con una forte connotazione allo smart work: gli uffici commerciale e marketing hanno una parte di personale in sede ed una parte che ha scelto da anni la formula di lavoro smart. Le attività di coordinamento, per quanto riguarda marketing e sales, avvengono attraverso conference call nelle quali sono coinvolti i vari componenti dell’ufficio. Periodicamente queste riunioni vengono effettuate de visu presso la sede in modo che il team possa legare maggiormente e possa così crescere l’empatia tra colleghi.

In questo periodo le cose non sono cambiate molto nemmeno per quelli che lavoravano in ufficio: avevano già a disposizione una serie di strumenti, tra i quali il pc aziendale, e quindi ciò ha permesso un comodo raggiungimento della piena efficienza.

Gli incontri con i clienti vengono organizzati attraverso conference call; aspetto più delicato sono le ispezioni in azienda, per alcuni si è riusciti a rimodulare la cosa, per altri invece si è dovuto riorganizzare o rimandare il completamento di essa.

«Forse la novità più evidente è la chiamata del lunedì pomeriggio dell’amministratore delegato, dice accennando un sorriso, una sorta di chiacchierata più che una riunione ma vista la situazione sono importanti anche questi momenti».

La seconda storia di successo riguarda la Diocesi di Rovigo, caso così interessante che anche National Geographic ne ha parlato.

La pandemia ha costretto a casa milioni di persone e la Chiesa, dovendo rispettare le normative imposte per tentare di rallentare il contagio, si è trovata ad affrontare un’enorme sfida.

E come si può mantenere il distanziamento sociale in una realtà che è fatta di presenza, contatto, abbraccio, comunità?

Questa è stata la grande sfida di molti sacerdoti cattolici spinti dal desiderio di portare avanti gli impegni pastorali e di far sentire ai parrocchiani la propria vicinanza.

Si è dovuto ricercare nella tecnologia, nel pc, nello smartphone, nei social network il mezzo per rimanere in contatto con i fedeli e rispondere alle loro esigenze.

E così la Chiesa ha abbracciato il digitale dando vita a celebrazioni virtuali: messe trasmesse settimanalmente sui social network, funerali in diretta streaming, preghiere pubblicate sulle pagine social, il tutto seguendo il calendario religioso della Quaresima e della Pasqua.

Lo shock più evidente è nella riduzione degli eventi che generano forti emozioni come battesimi e matrimoni; questi si svolgono in chiese chiuse a tutti tranne che ai genitori e ai testimoni legali.

Il distanziamento sociale ha messo alla prova gli italiani; una vita senza lo scambio pubblico di caldi abbracci e baci era inimmaginabile prima del virus.

(fonte Studio Alpha Omega e National Geographic)

DiStudio Alpha Omega

The difference between work, smart work and work smart

12 righe, frasi semplici, facili da leggere che però cambiano significato in base al verso di lettura. Questo è il reverse poster realizzato per Fastweb da YAM112003, communication company specializzata nell’ideazione e realizzazione di progetti editoriali e di comunicazione integrata, per raccontare con un’immagine l’idea che sta dietro al cambiamento di sede: non solo una nuova location, ma un cambiamento più profondo.

Il poster rientra nella campagna di comunicazione interna Working Smart per Fastweb e si concentra sull’idea del cambio di mentalità, sul ribaltamento del punto di vista. Working Smart va infatti oltre quello che è comunemente inteso come smart working: concepisce il luogo di lavoro secondo una nuova ottica.

Un modello di lavoro più smart, un addio alla sacralità della propria sedia intesa come trono, in cambio di spazi aperti e turnover di scrivanie in un ambiente open-space. Focus room per concentrarsi, phone booth per telefonare, salottini, chaise longue e altri arredi che diventano anche luogo di lavoro o incontri informali.

Quanto ideato da YAM112003 è una comunicazione double face, nel senso che letta dall’alto verso il basso esprime il concetto antico, letta a rovescio esprime il concetto opposto, positivo e aperto al cambiamento. Conservatori contro innovatori, con l’effetto che la lettura in retromarcia sembra proiettata nel futuro e l’altra nel passato.

(fonte Il Corriere della Sera)

Questo sito web utilizza i cookie.
Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito, per fornire funzionalità dei social media e per analizzare il nostro traffico. Condividiamo informazioni sul modo in cui utilizzi il nostro sito con i nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, marketing e social media. Continuando la navigazione su questo sito acconsenti al loro utilizzo? “Informativa sulla privacy e sui cookie”